Diffusore aromi

Diffondere un gradevole aroma nell’ambiente circostante, non serve solo a creare una condizione piacevole od a coprire degli poco piacevoli, ma giova anche per cambiare il vostro umore ed a migliorare la salute.

Proprio collegati ai diffusori di aromi, tutti quegli odori derivanti da prodotti di origine naturale come gli oli essenziali, stanno diventando ultimamente sempre più popolari e di largo consumoCome funziona un diffusore di aromi?  Questo accessorio per la casa  funziona in modo molto semplice:  è composto da una tanica che viene riempita con dell’acqua e con oli essenziali che lo stesso apparecchio poi nebulizza nell’aria circostante. Questo determina un effetto immediato molto potente.  E’ provato infatti che, ad ogni tipo di odore naturale, corrisponde un miglioramento dell’umore ed un cambiamento psicologico che influisce sulla salute emotiva. Oltre a questi effetti benefici, è anche da tenere in conto che l’impiego di un diffusore di aromi può essere in grado di giovare a migliorare la capacità di respirare: ad esempio quelli di olio di eucalipto e di cannella, sono noti per le loro capacità di migliorare la respirazione e  di alleviare i sintomi del raffreddore.

Un diffusore aromi è semplicissimo da usare: si riempie d’acqua il contenitore di acqua, si aggiunge qualche goccia di olio essenziale e lo si accende. Anche se funziona anche grazie a una piccola ventola elettrica è in genere estremamente silenzioso. Sul mercato oggi trovate centinaia di modelli di diffusori, diversi per forma, design, colore e grandezza: non vi resta che scegliere in base alle vostre personali esigenze!

Diffusore aromi – quale scegliere

Per scegliere il  migliore diffusore di oli essenziali, bisogna partire da quelle che sono le vostre personali  esigenze e preferenze: c’é una serie di fattori che determina quale sia il migliore, ma tutto dipende da cosa state cercando.

Primo.  Partiamo dalla base. Qual’è la differenza tra un umidificatore e un diffusore di oli essenziali? Questa è una domanda particolarmente interessante, e per niente banale, soprattutto per un’utente alle prime armi con questo genere di apparecchi, o che non ha mai utilizzato nessuno dei due. In verità, gli umidificatori ed i diffusori di oli essenziali possono essere usati in modo intercambiabile, ma non si tratta, però, dello stesso tipo di strumento. Come dice il  suo stesso nome, un umidificatore è stato progettato principalmente per “aggiustare” la quantità di umidità presente nell’aria, e quindi è particolarmente utile durante i mesi invernali o nei climi asciutti quando l’aria diventa eccessivamente secca. In questi casi, l’aggiunta di umidità nell’aria degli ambienti  in cui si vive aiutare a dormire meglio ed apportare altri benefici utili per la salute. Sia che si parli di umidificatori, sia che si parli di nebulizzatori, la loro  principale funzione  è quella di fornire a intervalli regolari una nebbia densa di umidità per migliorare l’aria circostante. Dall’altra lato invece abbiamo i diffusori aromi, che sono stati progettati per essere impiegati in spazi più ristretti, come stanze da letto, ufficio, la sala massaggi o, al massimo, in piccole zone domestiche. Questo tipologia di prodotti si caratterizza (oltre sugli  effetti benefici di cui abbiamo appena parlato) sopratutto sul design o, per meglio dire, sul loro aspetto estetico. Mentre gli umidificatori, in genere, hanno dei serbatoi che contengono una maggior quantità d’acqua, i diffusori sono  progettati per risultare più piacevole alla vista, con un serbatoio più ridotto che andrà poi cambiato regolarmente. E’ proprio grazie a questo tipo di manutenzione più frequente che si può essere anche in grado di cambiare gli oli che vengono utilizzati.

Secondo. Il secondo fattore da prendere in considerazione è dove si ha intenzione di utilizzare uno di questi apparecchi? Innanzitutto bisogna prestare attenzione al fatto che la potenza del diffusore aromi sia abbastanza potente da poter raggiungere e coprire tutta l’area interessata. Nei negozi e nei siti specializzati è possibile scegliere il proprio apparecchio in base alla potenza desiderata, è questa la caratteristica determinante da scegliere in base alla zona che sulla quale si vuole operare.

Terzo. Qual’ è la capacità del diffusore? In base alla capacità della tanica dell’apparecchio, l’acqua andrà cambiata più o meno spesso. Se, ad esempio, avete intenzione di lasciare operativo il vostro diffusore aromi per tutta la notte, allora avrete necessità di un modello che possa funzionare per almeno otto ore consecutive.

Quarto. Quali sono i migliori materiali per un diffusore? I materiali più comuni e più gettonati  sono la ceramica, la plastica, il legno, il vetro ed il metallo. Ricordiamo che un diffusore viene costruito anche per un piacevole effetto visivo, quindi anche il materiale ed il  design hanno la loro grande importanza per essere meglio inseriti tra l’arredamento della vostra casa. I materiali qui sopra elencati sono tutti ottimi e non influiscono sulla performance dello strumento.

Quinto. Quando vi apprestate all’acquisto di un diffusore di aromi ci sono alcuni elementi che vengono considerati extra, ai quali sarebbe bene  dedicaste la vostra attenzione, perché potrebbero migliorare sensibilmente la vostra esperienza generale con questo tipo di strumento. Cominciamo da quegli elementi che potrebbero sembrare i più ovvi, ma che in realtà implicano delle prestazioni decisamente più alte.

  • Avete bisogno di un timer? Optare per un diffusore che ha un timer, consente di lasciare operativo lo strumento per un determinato periodo di tempo senza bisogno della vostra presenza continua. Gli oli essenziali sono molto pregiati nonché costosi, se vi dimenticate un diffusore in funzione potreste rischiare di sperperare una fortuna. Avere la possibilità di impostare un timer per 30 minuti, un’ora, o poche ore, a seconda delle vostre specifiche esigenze, vi aiuterà a preservare i vostri oli essenziali senza dover stare sempre con gli occhi incollati all’orologio con l’ansia che sia passato troppo tempo.
  • Funzione di autospegnimento.  Questo è un tipico extra,  utile proprio quanto lo è il timer. Grazie a questa funzione, quando l’acqua si esaurisce il diffusore si spegnerà in maniera automatica, così da non lasciare in azione il motore in maniera del tutto inutile, cosa che potrebbe anche portare a un surriscaldamento dell’apparecchio stesso.
  • Manutenzione:  Quanto è facile tenere pulito un diffusore? A seconda del modello e delle dimensioni, cambia il tipo di manutenzione. Ma, in generale, il tipo di pulizia che richiede un diffusore è davvero minima. L’unica cosa importante da fare, è di ricordarsi di mantenere sempre il giusto livello di acqua nel serbatoio.
  • Come si aggiungono gli oli essenziali? Questa è una buona domanda da porsi sempre prima dell’acquisto di un diffusore. Ogni marca ed ogni modello hanno le loro peculiarità. Ad esempio, in alcuni tipi di diffusore è possibile aggiungere l’olio solo a motore spento. Se per voi questo rappresentasse un problema, verificate anche questo prima di effettuare l’acquisto.

Perché utilizzare un diffusore aromi

Ambiente più fresco – Durante i mesi estivi, quando fa più caldo non odiate forse dover tenere acceso il condizionatore tutto il tempo? Se è il vostro caso, la diffusione nell’aria degli aromi dii un olio essenziale serve anche a rinfrescare l’aria. Questo significa non solo miglior odore ma anche grande risparmio sulle bollette dell’elettricità.

Per rilassarsi e per dormire meglio – Uno dei migliori e più diffusi impieghi degli oli essenziali, è proprio dovuto alla loro capacità di aiutare a “sciogliere” gli stress alla fine di una giornata piena di eventi. Potete anche decidere di tenere un diffusore in ufficio, ed attivarlo durante la pausa pranzo (ad esempio) così da vivere un vero e proprio momento di paradiso anche nel caos di ogni giorno.

Tenere lontane alcune malattie – Forse non lo sapevate ma molti oli essenziali contengono al loro interno dell’antibatterico naturale, questo aiuta a prevenire influenze e raffreddori.

Respirare meglio – Gli oli essenziali sono l’ideale per ridurre un’infiammazione od una congestione delle vie aeree ostruite. Se, ad esempio, siete predisposti ad allergie o al altri disturbi respiratori, allora un diffusore è uno strumento ideale. In questo caso,  ricordatevi però di avere sempre a portata di mano un fazzolettino, perché se usate il giusto tipo di olio essenziale, vi accorgerete di un repentino aprirsi delle vie respiratorie.

Migliorare l’umore – Un altra ragione per cui è diffuso l’uso degli oli è quello – non solo di rendere migliore  l’umore – ma anche quello di rendere le persone più energiche ed attive. Se vi sentite lenti la mattina, potete provare ad accendere il diffusore per rendere l’ambiente più vivace.

Uno strumento più efficace e meno pericoloso rispetto alle candele o all’incenso – Se vivete in casa con bambini piccoli o con animali domestici, allora dovete sapere che le candele e gli incensi sono abbastanza pericolosi. Se invece adoperate un diffusore, avrete migliori benefici e nessun pericolo di scottature accidentali.

Conclusioni

Grazie ai diffusori aromi, è possibile respirare un’aria più pulita e più fresca, migliorare lo stato d’animo e allentare lo stress della giornata, ma giova anche a prevenire ad  a favorire una guarigione naturale dalle malattie tipicamente invernali quali raffreddori ed influenze. In definitiva, grazie ai diffusori di aromi, potete avere a vostra disposizione un modo completamente naturale per migliorare la qualità dell’aria che si respira.