Alternative al condizionatore

Quando il caldo inizia a farsi sentire in maniera insistente, immancabilmente si scatena la corsa all’acquisto di sistemi di refrigerazione per la casa, fissi o mobili. Ecco quindi che i negozi che vendono condizionatori d’aria vengono presi d’assalto.

Le statistiche dicono che, oltre alla spesa per l’acquisto dell’elettrodomestico, le famiglie italiane spendono in media € 410 euro l’anno per raffreddare la propria abitazione; si tratta di una cifra importante, che potrebbe essere risparmiata o destinata ad altri utilizzi con l’impiego di strumenti o strategie alternative all’uso del condizionatore. Senza considerare che, limitando o eliminando l’uso dei condizionatori, anche l’ambiente ne trarrebbe giovamento.

Questa breve guida vuole fornire alcuni consigli pratici per rendere la vostra casa più fresca e confortevole d’estate, mediante alcuni accorgimenti adatti alle vostre esigenze, ed apparecchi alternativi all’impegno del condizionatore d’aria. Vediamo quali sono.

Accorgimenti utili per mantenere  fresca l’aria di casa

Alcuni accorgimenti basilari

La cosa migliore da fare, in fase di progettazione e costruzione dell’abitazione, è l’isolamento termico mediante alcuni accorgimenti strutturali e l’utilizzo di materiali isolanti che aiutino a mantenere all’interno il calore quando fuori fa freddo ed il fresco quando fuori fa caldo.

Chiaramente non sempre è sempre possibile intervenire a questo livello. Comunque, se vivete in un’abitazione costruita con criteri di risparmio energetico meno efficaci (ma anche se la vostra casa è ben isolata) potete far ricorso ad alcuni accorgimenti molto utili.

  • Chiudete i vetri delle finestre nelle ore più calde e lasciateli aperti di notte.
  • Mettete piante da balcone sulle finestre per far assorbire parte del calore proveniente dal sole.
  • Se abitate al pianterreno ed avete un giardino, piantate degli alberi che forniscano un riparo ombreggiato alla vostra abitazione.
  • Un’ottima alternativa è offerta dai cosiddetti tetti / muri verdi, ovvero da quei manti vegetali che vengono utilizzati sia come coperture per i tetti, sia per le pareti verticali, perché diminuiscono sensibilmente la penetrazione del calore all’interno.
  • Evitate di utilizzare il forno per preparare piatti complessi che richiedano tempo, preferendo cibi freschi e che non necessitano di cottura, tra l’altro facilmente reperibili d’estate.

Se questi accorgimenti di carattere generale non vi bastassero o non per qualche ragione non fossero sufficienti, o se proprio doveste far ricorso ad  appositi apparecchi, questi possono esservi d’aiuto per rinfrescare casa senza il condizionatore.

Apparecchi per raffrescare l’aria, alternativi all’uso del condizionatore

Il ventilatore

I ventilatori rappresentano una valida ed economica alternativa al condizionatore.

Non solo consentono di risparmiare in fase di acquisto, anche il risparmio energetico depone a loro vantaggio (fino all’80% in meno rispetto ad un comune condizionatore).

Altro vantaggio è rappresentato dall’installazione e dalla manutenzione, più veloce e più semplice, e dal fatto che la sensazione di benessere e freschezza arriva immediatamente dopo la loro attivazione, senza necessità di attendere.

Sempre più diffusi in commercio oggi sono i ventilatori senza pale, privi appunto delle classiche eliche.

Sono strumenti in grado di generare aria fresca con consumi molto ridotti, a tutta vantaggio della sicurezza, perchè non c’è pericolo di ferirsi con le pale, come ad esempio il silenziosissimo Dyson AM06, dotato di una serie di funzioni, come timer e telecomando, che lo rendono particolarmente facile da usare.

La cosa importante, qualunque sia il modello scelto, è quella di valutare la grandezza della stanza in cui verrà posizionato, e optare per una dimensione adeguata.

Il deumidificatore invece del condizionatore.

Sappiamo tutti che l’umidità è la responsabile del forte senso di disagio che avvertiamo nelle giornate più torride d’estate.

Il nostro corpo infatti tollera a fatica tassi di umidità elevati, perché non gli consentono di raffreddarsi adeguatamente con la traspirazione.

Un altro modo di rinfrescare casa senza ricorrere al condizionatore è quindi quello di acquistare un deumidificatore, un elettrodomestico dalle dimensioni contenute in grado di ridurre l’umidità presente nell’aria.

Grazie a questo strumento, il caldo percepito si fa meno soffocante e diventa più tollerabile.

Perché optare per un deumidificatore.

I vantaggi della scelta del deumidificatore come alternativa al condizionatore sono molti:

  • i suoi consumi sono notevolmente inferiori rispetto al condizionatore;
  • non presenta controindicazioni per la salute, perché non emette getti di aria fredda che possono causare spiacevoli raffreddamenti, ma anzi migliora la qualità dell’aria “asciugando” l’umidità presente e filtrandola;
  • può essere utilizzato anche in inverno per rimuovere la muffa e i cattivi odori da stanze molto fredde e umide;

L’unico svantaggio dell’uso del deumidificatore come alternativa al condizionatore è il caso in cui esista l’esigenza di raffreddare più di un ambiente, per cui il secondo sarà da preferire.

Le alternative ai condizionatori in auto

L’automobile in estate può trasformarsi in un vero strumento di tortura, soprattutto se siamo costretti ad usarla dopo che è stata per molto tempo al sole e non è dotata di climatizzatore.

Da qualche anno si trovano in commercio dei kit climatizzatore elettrico per auto, che aiutano a rendere la permanenza all’interno della vettura più tollerabile.

Semplici da montare, sono piccoli ionizzatori che funzionano con collegamento alla presa dell’accendisigari e aiutano a purificare e migliorare la qualità dell’aria.

Alcuni modelli presentano la possibilità di aggiungere, nell’apposito contenitore, alcune gocce di olii essenziali per aromaterapia, rendendo gradevolmente profumato l’abitacolo.

Utilizzando questa alternativa al condizionatore auto, è possibile ridurre considerevolmente i consumi della vettura, contribuendo al risparmio della famiglia.

Lascia un commento